Bollino Etico Sociale: intervista a Ivan Foina

Dal 2016 Virosac è attestata con il Bollino Etico Sociale, un metodo che accompagna l’azienda nella gestione di personale e stakeholder esterni, con l’obiettivo di mantenere una forte responsabilità sociale.

Abbiamo intervistato Ivan Foina, ideatore del metodo, sulla struttura, sul funzionamento del metodo e sulle prospettive future per Virosac.

1) Quando è partito il progetto di Bollino Etico Sociale e da dove si è originata questa idea?

Bollino Etico Sociale nasce nel 2011, dall’idea di voler creare un qualcosa che fosse di facile approccio e gestione per le aziende in tema di responsabilità sociale e che fosse un’opportunità per le imprese per valutare la CSR; poi nel tempo cambia, evolve fino ad essere oggi un metodo che permette di valorizzare le azioni di innovazione sociale; oggi è un metodo generativo, dove ogni persona disegna il proprio percorso di responsabilità sociale.

2) Il metodo prevede un percorso aziendale in tre fasi: quali sono le principali attività?

Bollino Etico Sociale inizia con un’attività che chiamiamo CONOSCIAMOCI, attraverso la quale si analizza come l’azienda gestisce il suo impatto (positivo e negativo) in riferimento allo standard, definito in 8 obiettivi. Alla fine di questa attività, se ci sono le condizioni, vengono rilasciati il marchio e l’attestato e l’azienda o il professionista entra a far parte delle community Bolino Etico Sociale.

La seconda fase è costituita da incontri periodici, sessioni durante le quali si sviluppano e si attuano nuove azioni. Infine c’è la parte della misurazione dei risultati.

3) Virosac detiene da 4 anni il Bollino Etico Sociale: quali sono state le azioni svolte durante gli anni e che impatto hanno avuto? Quali le opportunità per il futuro?

Virosac è una delle aziende attestate per cui vale la valorizzazione di quanto già presente, dalla formazione all’attenzione verso l’impatto dei prodotti e dei processi, in termini di sicurezza e ambiente.

Le opportunità per il futuro vanno sicuramente nella direzione della comunicazione etica, di grande utilità: è occasione di divulgazione verso le persone e le altre aziende, che possono prendere spunto e replicare le azioni positive, così come conoscere l’impatto dell’azienda.  

Altro tema è quello delle persone: le aziende migliori sono quelle che investono sui collaboratori, in termini relazionali e di valorizzazione del talento del singolo. Favorire lo smart working e orari flessibili, definire il lavoro per obiettivi e investire nella formazione, sono tutte idee per migliorare persone e azienda.

4) Quali sono le prospettive per le aziende che vogliono valorizzarsi ulteriormente seguendo il percorso?

Il tema della sostenibilità, dell’etica e della responsabilità sociale sempre più spesso viene trattato da varie parti e varie fonti; sempre di più, consumatori e lavoratori cercano aziende delle quali condividono valori e mission.

Occuparsi di innovazione sociale significa lavorare in modo positivo per la propria immagine e reputazione.

Il pensiero di Cesare Casagrande, Amministratore Delegato Virosac:

“Le Risorse Umane sono la reale Ricchezza di Virosac e contribuiscono ogni giorno alla creazione della Missione Aziendale “Specialisti di Ecologia Domestica”, attraverso un percorso teso al miglioramento continuo dei processi e delle interrelazioni umane basato sul rispetto reciproco e su comportamenti trasparenti , etici e certificati mirati al miglioramento dell’ecosostenibilità dell’ambiente in cui viviamo.

Questi impegni professionalmente e moralmente impegnativi rappresentano per noi di Virosac il modo di differenziarci nel Mercato e di cercare ogni giorno di essere un punto di riferimento per i Consumatori di oggi e di domani.”

TORNA SU